Notice: wpdb::prepare è stato richiamato in maniera scorretta. La query non contiene il numero corretto di segnaposti (2) per il numero di argomenti forniti (3). Leggi Debugging in WordPress per maggiori informazioni. (Questo messaggio è stato aggiunto nella versione 4.8.3.) in /home/amicidelcu/domains/amicidelcuorelivorno.it/public_html/wp-includes/functions.php on line 4140 Obesità e mortalità: Les Liaisons Dangereuses - Associazione Livornese Amici del Cuore

Obesità e mortalità: Les Liaisons Dangereuses

Più persone in tutto il mondo muoiono per cause legate all’obesità. Tra il 1990 e il 2015, il tasso globale di morte correlato all’indice di massa corporea (BMI) è aumentato del 28%, da 41,9 a 53,7 morti per 100.000 persone.In una valutazione sistematica degli effetti sulla salute, nel 2015 il peso corporeo in eccesso rappresentava circa 4 milioni di morti. “Quasi il 70% delle morti correlate all’alto BMI è dovuto a malattie cardiovascolari e più del 60% di tali morti si è verificato tra le persone obese”.L’onere crescente della malattia è parallelo all’aumento sostanziale e diffuso dei tassi di obesità globali negli ultimi 3 decenni e suggerisce che l’obesità continua ad essere un grave problema di salute pubblica sia nel mondo sviluppato che nel mondo in via di sviluppo.I fattori sociodemografici sembrano essere legati ai tassi di obesità. “In generale, la prevalenza dell’obesità tra le donne e gli uomini è aumentata con l’aumento dell’indice sociodemografico (SDI) in tutte le fasce d’età”, scrivono gli autori. Allo stesso modo, tra i bambini, la prevalenza dell’obesità era maggiore nei paesi con livelli di SDI più elevati; tuttavia, tra il 1980 e il 2015, la prevalenza dell’obesità nei bambini nei paesi a bassa disponibilità di SDI è aumentata in modo significativo, del 20%.

Autori: The GBD 2015 Obesity Collaborators   Fonte: N Engl J Med. Published online June 12, 2017.